Finocchio (Foeniculum vulgare dulce)

finocchio foeniculum vulgare dulce

Il finocchio appartiene alla famiglia delle ombrelliferae e si distingue nella varietà di tipo selvatico e in quella di produzione orticola (in foto). Sul territorio italiano, si coltiva prevalentemente al centro e al meridione con produzione annuale grazie all’attenta organizzazione delle colture.

Morfologia

Morfologicamente è composto da germogli, foglie (chiamate barba), fiori, frutti e ovviamente le radici. Le guaine delle foglie formano il grumolo (la parte bianca e carnosa del finocchio) e sono apprezzate esclusivamente nella varietà di produzione orticola.

Curioso è il fatto che i frutti del finocchio generano confusione a causa della loro forma e vengono normalmente chiamati “semi”.

Proprietà

É conosciuto per le sue proprietà digestive, diuretiche ed ha la capacità di attenuare i dolori addominali grazie alla presenza di anetolo. Sono riconosciute anche proprietà depurative con effetto su fegato e sangue. In letteratura si legge anche di un’azione antinfiammatoria. Il finocchio viene consigliato alle donne in allattamento perchè rende ulteriormente più gradevole il sapore del latte materno.

Composizione e Calorie

É composto principalmente d’acqua ma è ricco di minerali come il potassio, calcio, fosforo e vitamine A, C ed alcuni tipi di B.

Contiene poche calorie, infatti 100g di finocchio ha solo 9 Kcal.

Esempi di ricette

Queste sono alcune ricette che si possono preparare con il grumolo: insalata di finocchi con arance e olive, carpaccio di finocchio al limone e zenzero, finocchi gratinati al forno.

La barba viene utilizzata per aromatizzare piatti come gli arrosti ma va considerato che quella del finocchio orticolo ha un sapore più delicato.

I frutti vengono utilizzati per insaporire il vino, le tisane e i prodotti secchi come i taralli in Puglia o i biscotti piemontesi finocchino. Lungo la costa tirrenica è consuetudine produrre un liquore digestivo con i frutti di finocchio.

Curiosità sul finocchio

Il grumolo è noto a tutti per le sua capacità di alterare la funzionalità delle papille degustative! Dopo averlo mangiato, il resto del pasto vi sembrerà più dolce e gradevole. Proprio grazie a questa caratteristica, alcuni osti poco onesti erano soliti offrirne ai loro clienti prima di servire il loro il pessimo vino. Di conseguenza nasce il termine “infinocchiare”.

La varietà selvatica è chiamata anche finocchino, finocchietto, finocchio cavallino. Di questa varietà sono apprezzati i germogli, le foglie, i fiori e i frutti. Nella regione Le Marche, le foglie con i rametti vengono utilizzati per insaporire alcuni piatti come le lumachine di mare oppure la squisita porchetta di maiale marchigiana e laziale.

Riferimenti & Approfondimenti

www.agraria.org

it.wikipedia.org

2017-04-09T15:22:27+01:00

About the Author:

Eccomi qui: dal 1981 Atleta, Perito Agrario, Moglie, Madre, Cuoca per passione, Food blogger ...

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.